SABATO, Novembre 27, 2021

Un'altra battaglia è andata...

Cielo nuvoloso e forte vento caldo di scirocco sul “San Giovanni Bosco” di Ricadi per la terz’ultima giornata del campionato di Eccellenza calabrese, che ha messo in scena il testa-coda tra il fanalino Capo Vaticano e la capolista Sambiase.
Partita con punti pesanti in palio, nella quale le motivazioni di traguardo di entrambe superano le differenze tecniche.
Circa 350 i tifosi al seguito della squadra ospite, a discapito di una trentina di locali, motivo per il quale agli ospiti viene destinata l’intera tribuna coperta.
Mister Aita schiera il Sambiase con il solito 4-2-3-1, confermando il rumeno Pascu sulla sinistra a prova della sempre maggiore fiducia nel talentuoso ragazzo.
Capo Vaticano con il classico 4-4-2, con capitan Nesci a far da terminale avanzato.
La partita, segnata dal forte vento e da un terreno di gioco dal cattivo stato, è molto maschia e giocata prevalentemente a centrocampo, dove l’alto ritmo di gioco tende a creare ingorghi. Infatti, è proprio nelle poche occasioni sulle fasce che si creano i pericoli per le rispettive difese, con Pascu e Burgo da una parte e l’interessante Perciamontani per i padroni di casa.
Nelle fasi iniziali il Sambiase tiene meglio il campo, tenendo alta la pressione con l’ottimo De Luca e Martello e pervenendo, dopo un paio di tentativi dal limite di El Aoudi, al vantaggio con l’ex Nosdeo che al 15° deve soltanto spingere il pallone nella rete al termine di una ripetuta azione nell’area nero verde.
La gioia degli ospiti è però raffreddata da un Capo Vaticano che non ci sta a perdere, aumentando il ritmo e rendendo il gioco più maschio. Nella seconda metà del primo tempo il sig. Melissi di Reggio Calabria è costretto a metter mano ai cartellini per ammonire quattro giocatori.
Tuttavia, è il Sambiase a rendersi pericoloso, soprattutto con i cross in area che mettono Pascu due volte, El Aoudi ed ancora Nosdeo nelle condizioni di colpire liberamente, ma la scarsa mira o l’ottimo Furfaro ne annullano gli effetti.
Squadre confermate nella ripresa, così come il gioco, che si fa sempre più duro e spezzettato, a discapito della qualità e delle possibili occasioni da goal, sostanzialmente non pervenute.
Girandola di sostituzioni nelle due formazioni, con Conversi al 70° al posto di Martello a ridisegnare in un 4-4-2 per il Sambiase, mossa che, comunque, non sortisce l’effetto sperato di un raddoppio capace di mettere il risultato al sicuro.
Ciò anche a causa di una rinuncia alle fasce a favore di una ricerca degli spazi cercando di sfruttare le doti agonistiche della coppia d’attacco.
Dall’altra parte, il timido forcing dei locali si risolve in un più volte esasperato agonismo piuttosto che in reali occasioni da goal. Nesci e De Pascale giocano lontano dalla porta e devono fare i conti con la ferrea difesa sambiasina.
Piazza al termine della partita esce dal campo con i guanti intatti.
Pertanto, protagonista diventa la terna arbitrale, costretta con difficoltà a gestire una partita giocata pressoché a centrocampo e segnata dalla tensione psicologica, per diversi motivi, delle due compagini. Un protagonismo che sfocia in più di un'occasione in atteggiamenti deprecabili.
Dopo 5 minuti di recupero arriva, comunque, il fischio finale a sancire la vittoria di misura della capolista, che continua a mantenere il distacco di due punti sull’inseguitrice Bagaladi, a due giornate dal termine ed innalzando l’adrenalina nell’ambiente.
Il Capo Vaticano, pur se non ancora sancito dalla matematica, è ad un passo dalla retrocessione. Un motivo in più per elogiare lo spirito e l’orgoglio con cui squadra e tifosi stanno onorando il campionato fino alla fine.
Da segnalare le prove di Cassaro e De Luca per il Sambiase e di Marcianò e Perciamontani per il Capo Vaticano.

Sambiase Lamezia Calcio società calcistica di Lamezia Terme

A.S.D. Sambiase 1962 squadra di calcio di Lamezia Terme