DOMENICA, Maggio 28, 2017

Lamezia Terme

Indice
Lamezia Terme
Sambiase
Tutte le pagine

Lamezia Terme o più comunemente Lamezia è un comune calabrese in provincia di Catanzaro. Il comune, che conta 71.102 abitanti[1], è il terzo della Calabria ed il maggiore sulla costa tirrenica tra Salerno e lo Stretto di Messina e con 160,24 km² rappresenta uno dei comuni più estesi della regione. È raggiungibile facilmente in quanto vi è un aeroporto internazionale, una stazione ferroviaria di notevole importanza e uno svincolo autostradale. Per effetto ed a seguito del D.P.R. 21 luglio 1972[2] il Comune di Lamezia Terme ha diritto, nei suoi atti ufficiali, di fregiarsi del titolo di Città.

Nata nel 1968 dall'unione amministrativa dei comuni di Nicastro, Sambiase e Sant'Eufemia Lamezia, è oggi una città di rilevante importanza dal punto di vista commerciale e agricolo, per la sua posizione centrale in Calabria e il suo territorio pianeggiante. Infatti è sede di un aeroporto internazionale, il più importante della regione[3] e di una stazione ferroviaria, una delle più importanti della Ferrovia Tirrenica Meridionale. Vanta una vivace e rinomata coltivazione dell'olivo da cui si produce l'olio Lametia DOP e della vite da cui si ricavano i vini Lamezia.

La città prende il suo nome dal fiume Amato, un tempo chiamato Lamato (lat. Lamatus), che la attraversa nella sua parte più periferica. Questo nome fu originariamente dato solo al comune, ora divenuto quartiere della città, di Sant'Eufemia. Dopo l'unione amministrativa del 1968, si è scelto il nome di Lamezia per l'intera città, a cui è stato aggiunto Terme, per via delle Terme di Caronte che si trovano nei pressi del quartiere Sambiase e le cui proprietà benefiche erano note già al tempo dei romani.

Lamezia Terme è formalmente un agglomerato abbastanza recente, il comune è stato fondato infatti il 4 gennaio 1968 come unione di tre centri abitati, che, prima di tale data, costituivano comuni a sé stanti (Nicastro, Sambiase, Sant'Eufemia Lamezia) e oggi sono considerati dei veri e propri quartieri.

La storia di Lamezia Terme comprende quindi la storia dei tre paesi da cui è sorta che hanno origini medievali, ma il territorio era abitato anche molti secoli prima che questi centri sorgessero. Esistono reperti archeologici che testimoniano la presenza nel suo territorio di comunità del periodo italico e del periodo magnogreco, tanto che la maggior parte degli studiosi ritiene che l'antica città greca di Terina si trovasse nel territorio di Lamezia Terme e precisamente nell'impluvio del torrente bagni nei pressi di Sant'Eufemia del Golfo.



Nel Medioevo nacquero i tre comuni componenti l'attuale Lamezia Terme che erano abbastanza diversi, ma di fatto complementari tra loro: Nicastro era prevalentemente basata sul commercio, Sambiase più vicina all'agricoltura, mentre Sant'Eufemia Lamezia era nata più recentemente da un gruppo di case intorno alla stazione ferroviaria principale, che costituivano dapprima la sede del consorzio di bonifica delle paludi e sulla base del vecchio centro di Sant'Eufemia del Golfo, sede feudale.

La fusione, proposta dal senatore Arturo Perugini e prima del suo genere in Italia, nacque dall'esigenza di creare un agglomerato urbano forte e capace di sfruttare al meglio le risorse messe a disposizione dal territorio comunale. Frutto di accese discussioni, le polemiche sulla fondazione della città odierna non si sono ancora del tutto sopite, e permangono tuttora residue rivalità fra i tre centri che la compongono.


Sambiase

Sambiase nasce intorno al IX secolo circa intorno al monastero di San Biagio, Santo dal cui nome deriva - per successive trasformazioni linguistiche - quello della città.
Numerose nel corso degli anni le chiese costruite all'interno della città. Delle 13 originarie, però, ne restano in piedi soltanto 5, mentre le altre sono andate distrutte o trasformate - dai cittadini dell'epoca - in abitazioni o negozi commerciali. Già prima in epoca romana con il nome di Due Torri, Sambiase era conosciuta come meta turistica, per le terme, chiamate allora Aquae Angiae di origini magno greche (Aque Ange). Durante il periodo ellenico nel sud Italia e nell'attuale territorio di Lamezia Terme precisamente in Sambiase e in Sant'Eufemia Lamezia si insediarono si formarono dei villaggi e città nel territorio di Sambiase (Melea e parte di Terina). Di questa civiltà sono rimaste poche tracce; nel quartiere sambiasino solo un mosaico di una villa greca nella chiesa del Carmine e delle monete terinesi a Caronte ed il tesoretto di Acquafredda (entrambe località di Sambiase) conservate nel museo archeologico lametino . In epoca romana Turres ,come chiamato dai latini ,era tratto fortemente turistico dell'antica regione buzio-lucana ,catalogata in numerosi itinerari come quella dell'imperatore Antonino Pio . Per il governo di Bisanzio l'antica Sanctii Blasi (San Biagio) era città posta strategicamente . Per i bizantini basiliani era grande ed importante luogo di cultura e tradizione ,furono loro infatti a riportare l'ellenismo in gran parte della Calabria ,sorsero dunque chiese e monasteri come ,Santa Sofia ,San Biagio ,San Nicola ,San Costantino ecc.

Il normanno Roberto il Guiscardo duca di Calabria e Puglia e conte di Sicilia si infatuò delle terme e del meraviglioso paesaggio di Sambiase fece scolpire infatti un eloggio che prova il suo passaggio . Nell'alto medioevo Sambiase era potente università conosciuta in tutta la penisola italiana ,governata dai Sanseverino-Sambiase importante economicamente per la neo contea di Nicastro e per tutto il regno. Molti furono i cittadini e i politici di Sambiase che si ribellarono agli spagnoli e si unirono a Garibaldi e che ebbero importanti posti nella storia politica della nostra nazione.

Sambiase Lamezia Calcio società calcistica di Lamezia Terme

A.S.D. Sambiase 1962 squadra di calcio di Lamezia Terme

pornos free porn videos deutsch porno fickentube pornodeu porno porno porno