DOMENICA, Dicembre 15, 2019

È la festa dei vinti!

Che nella Benevento del presidente Massimo Taddeo il Sambiase non fosse ospite gradito lo si era capito sin dal momento in cui era stato negato l'utilizzo del Santa Colomba ed il Prefetto sannita, successivamente al summit cui aveva preso parte lo stesso presidente della Forza e Coraggio, aveva disposto la chiusura del settore ospite e la vendita dei tagliandi d'ingresso ai soli residenti nella provincia beneventana, impedendo così alla tifoseria lametina di esser parte di quella che, a prescindere dal risultato sportivo cui si sarebbe pervenuti, sarebbe stata una giornata di sport e di festa da vivere e ricordare insieme.
L'infelice ospitalità campana si appalesava ancor più tristemente quando, in barba a "quel giusto clima di sportività e amicizia che costituisce la peculiarità principale del calcio e di tutto lo sport in generale" sbandierato dalla società sannita in seguito alla presunta aggressione che i beneventani avrebbero subito ad Eboli, a pochi minuti dal calcio d'inizio due steward incaricati dalla Forza e Coraggio costringevano fuori dall'angusto ed inadeguato impianto Meomartini l'indignato Presidente del Sambiase Tonino Scarpino che riusciva ad entrare nel settore riservato ai lametini solo a pochi secondi dal fischio d'inizio, grazie alle vibranti lamentele e proteste dei suoi collaboratori.
Ma veniamo al calcio giocato. La gara si preannunciava un po' Davide contro Golia e l'assenza della tifoseria ospite rendeva il tutto ulteriormente iniquo.
A Benevento la giovane truppa guidata dal tecnico Alessandro Erra usciva sconfitta per due reti a zero.
Ad avere la meglio su un Sambiase combattivo e mai rinunciatario, è stata solo la maggiore concretezza ed esperienza della squadra guidata dal duo tecnico Lepore-Mauro, imbottita di uomini dalla grande esperienza e dai lauti rimborsi spesa, capaci di piazzare la zampata vincente nelle poche volte in cui ne hanno avuto l'occasione.
Diversamente è stato, invece, per Morelli e compagni: già poco lucidi sotto porta, i calabresi si sono visti negare dal non convincente direttore di gara Zuliani di Vicenza un netto rigore per l'evidente e falloso atterramento in area di Mandarano da parte di Despucches che è addirittura costato il rosso al giovane Mercuri in panchina - al danno... la beffa! - e sono poi passati in svantaggio al 40' dopo una disattenzione in difesa con Tortora abile ad approfittare del fortunoso rimpallo della sfera sul palo, dopo il tiro di Massaro.
Inutile sullo scadere la punizione dal limite concessa ai lametini: un calcio di rigore per i giallorossi con Lio e Curcio, ma il sig. Zuliani permette solo di sistemare la barriera ed ancora prima di calciare fischia la fine del primo tempo tra l'imbarazzo e l'incredulità dei presenti.
Nella ripresa la musica non era molto diversa con i ragazzi di Erra ancora imprecisi in più occasioni. La prima ancora sull'uno a zero con Mandarano, perfettamente imbeccato da Curcio, la secondo sul due a zero con Sposato che solo davanti alla porta libera della Forza e Coraggio calcia incredibilmente fuori.
In mezzo il raddoppio dei campani ancora con Tortora che infila in porta un cross dalla destra di Massaro che Andreoli prima e Andriani poi non riescono ad allontare.
Il match di fatto si chiude qui con il Sambiase costretto anche all'inferiorità numerica: l'assistente Rinaldo Menicacci di Viterbo, infatti, incurante dei tifosi locali stazionanti sulla recinzione a ridosso delle sue spalle, si preoccupava di segnalare al direttore di gara il comportamento di Mandarano, reo soltanto di aver reclamato per un 'fuori'. Il fischietto vicentino lo mandava anzitempo sotto la doccia.
Nient'altro fino al triplice fischio finale con i giallorossi che si avvicinano ai propri tifosi, dirigenti e media al seguito per i reciproci applausi e le manifestazioni di stima.
La Forza e Coraggio vince ed accede alla fase successiva con il turno a tre squadre.
Il calcio ha perso 700 persone (bambine, bambini, ragazze, ragazzi, donne ed uomini) desiderose di prender parte ad uno spettacolo che è stato loro negato.
Il Sambiase si gode il prestigioso traguardo raggiunto in questa stagione esaltante e memorabile per i colori giallorossi e nei prossimi giorni lo festeggerà con la sua gente. Questo è il calcio... Questo è lo sport... Questo è il vero sport!

Sambiase Lamezia Calcio società calcistica di Lamezia Terme

A.S.D. Sambiase 1962 squadra di calcio di Lamezia Terme